Signoraggio bancario finzione o realtà?

signoraggio bancario

“La Banca non è altro che un’impresa privata che fornisce alla clientela mezzi di pagamento di intermediazione finanziaria tra offerta e domanda di capitali”, è così che wikipedia definisce un istituto bancario, io la definirei diversamente, la banca per me è una organizzazione criminale atta a impoverire il popolo.

Analizziamo le sue origini:

Nasce la prima “banca moderna” nel 1406 a Genova”banco di San Giorgio” che fu la prima società bancaria statale, che oltre ad occuparsi delle transizioni finanziarie del denaro pubblico, eseguiva operazioni di deposito. 

Inizialmente, quando la base monetaria era composta soltanto da minerali preziosi come l’oro, chiunque disponesse tale metallo aveva la possibilità di depositarlo presso la zecca di Stato, dove veniva trasformato in monete con l’effigie del sovrano. I diritti spettanti alla zecca e al sovrano erano esatti, trattenendo una parte del metallo prezioso.

Formalmente il signoraggio non è altro che il costo di coniazione della moneta dove il valore nominale non coincide con il valore intrinseco. Questo “costo di coniazione” veniva anticamente utilizzato dallo stato per la realizzazione di opere pubbliche.

Per aumentare i guadagni dalla coniazione, fu deciso di realizzare monete sempre più economiche diminuendo la percentuale di metallo prezioso durante la lavorazione. Questa corrente di pensiero portò la zecca di stato a realizzare una nuova forma di pagamento, la banconota.

La banconota è uno strumento di pagamento rappresentato da un biglietto cartaceo stampato, privo di valore intrinseco, dove i profitti della zecca su ogni stampa è di circa del 500%.

Con gli anni il concetto di “istituto bancario” è cambiato, con la realizzazione di una comunità europea, fu istituita (per chissà quale ragione assurda) una banca centrale.

La moneta viene così oggi coniata dalla zecca dello stato, mentre, le banconote vengono stampate direttamente dalla BCE “BANCA CENTRALE EUROPEA”.

Quando inizialmente lo stato era “APPARENTEMENTE INDEBITATO” con se stesso e di conseguenza “non doveva nulla a nessuno”, ora invece è fortemente indebitato con la comunità europea.

LA BCE OGGI E’ AUTORIZZATA A STAMPARE CARTA STRACCIA AL PREZZO DI 0,30 € E A RIVENDERLA AL VALORE INTRINSECO DI MERCATO!

Cosa significa?

Stampa una banconota da 500€ al costo di 0.30€ e la presta allo stato al valore di 500€!!

Navigando sul web mi sono imbattuto in un esempio molto semplice che spiega al meglio questo concetto.

Ipotizziamo che la banca stato possiede 100 monete d’oro e che 10 cittadini chiedono 10 monete in prestito. Il cittadino essendo ora in debito a meno che non restituisce il denaro ricevuto deve ogni anno 1 moneta di interesse. Prestando tutte e 100 le monete la banca ora non possiede più monete da immettere  in circolazione e sul mercato ci sono soltanto le 100 monete iniziali.

Come farà il cittadino a restituire una moneta all’anno se non esistono altre monete?

Il debitore possedendo soltanto le 10 monete prese inizialmente si troverà anno dopo anno senza una moneta a causa degli interessi accumulati,  fino ad arrivare al decimo anno con zero monete in tasca, ma con un debito verso la banca uguale alla somma richiesta.

Quando inizialmente avere rapporti con una banca era una scelta soggettiva, ora sta diventando un OBBLIGO. 

Questo tipo di atteggiamento porterà la società moderna a una sorta di schiavitù, dove la banca acquisterà pian piano prima il controllo delle istituzioni e poi sui beni di prima necessità. 

E’ evidente che secondo questo principio, il famoso “debito pubblico”  resterà in eterno ma sopratutto è destinato ad aumentare sempre più. 

Se solo ci fosse una coesione cittadina questo problema sarebbe già stato risolto da almeno 100 anni.

E’ lo Stato che deve aver paura del cittadino e non viceversa!

You May Also Like

ELECAENTA solar power

ELECAENTA Solar Power 30W: Recensione

Instax Mini evo

Instax Mini Evo: Recensione

Elago MagSafe

Elago e i suoi prodotti Magsafe

Elago Airtag Apple

Airtag Apple Elago – La mia esperienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.